La notte della cultura 8

Share on Google+

In collaborazione con Rai Sender Bozen e Ufficio Cultura Tedesca
Con il gentile sostegno del Comune di Bolzano, la Fondazione Cassa di Risparmio, Oberrauch Zitt e Salewa

Andare o arrivare Riuscite a immaginare una vita senza cultura? Cos’è alla fine la cultura? È cultura anche la cultura del quotidiano? Non pensate che la “multiculturalità” sia un po’ arrogante? Ecco perché la Lunga Notte della Cultura 8 imbocca un’altra strada. Il palco del Teatro Comunale di Bolzano si trasformerà in un “caffè narrativo” in cui si incontreranno varie artiste e artisti nonché persone di culture diverse. Nel cuore dell’Alto Adige ritroveremo storie e musiche da ogni parte del globo. Il tutto condito da pietanze provenienti da tutto il mondo.  

 

Odile Néri Kaiser scrive che le storie arrivano da chi le ama. Lei è una narratrice che si definisce un’iniziatrice e collezionista di storie, una costruttrice di ponti e una creatrice di incontri. Si merita quindi un posto d’onore nel nostro “caffè” internazionale che ruota intorno alla riflessione di storie di vita al di là di opinioni precostituite. Ascolteremo il quasi novantenne Franz Thaler della Val Sarentino che racconterà la sua vita all’epoca della cosiddetta “Option” e durante il suo internamento in un campo di concentramento. Per incarico dell’urania meran Paola Marcello mostrerà la sua esposizione fotografica “Die neuen Meraner. Gesichter und Stimmen einer Stadt im Wandel” che offre uno sguardo differenziato sulla varietà culturale della nostra società, catturando volti e voci di una Merano che cambia. I nuovi cittadini altoatesini racconteranno le loro storie, perché sono venuti qui, quali sono le loro speranze e i loro ricordi. Maxi Obexer leggerà estratti dal suo romanzo “Wenn gefährliche Hunde lachen”. Attrici e attori altoatesini presenteranno delle scene da “Illegal” di Björn Bicker. L’autore parlerà della genesi del suo libro e dell’opportunità di trattare temi politici a teatro. Il tradizionale discorso sarà tenuto da Gustav Hofer, giornalista e cineasta. Anche l’orecchio musicale vuole la sua parte, quindi troveremo “Arcomai” una nuova orchestra internazionale proveniente da Merano, una performance di percussionisti capitanati da Norbert Rabanser e infine i musicisti del complesso “Ziganoff”.

 

 

Presentazione: Irene Girkinger e Renate Gamper
Riprese dal vivo:
Mike Ramsauer
Scenografie:
Rudi Risatti

Buffet multietnico: JONA Società Cooperativa Sociale