La Notte della cultura 9

Share on Google+

visioni per l'Europa

La Notte della cultura 9 guarda avanti: sul palco della Sala Grande del Teatro Comunale di Bolzano si parlerà di visioni per l’Europa: un gruppo di pensatrici e pensatori famosi presenteranno i loro lavori in una serie di tavole rotonde: „Frammenti di pensiero per il futuro“ – impulsi per un’Europa nel 2030. Una notte di novembre che grazie a pensieri illuminanti e buona musica ha le carte in regola per diventare indimenticabile.

Fin dalla notte dei tempi il mondo sembra lamentarsi del tempo e della vita. La nostra società globalizzata ha bisogno di persone che si fermano per riflettere sul mondo di domani e sulla sua organizzazione. Anche in Alto Adige ci sono persone che pensano oggi a ciò che può succedere un domani: nel 2012 il collezionista d’arte Heinrich Gasser ha riunito diversi personaggi per discutere di educazione, cultura, etica, scienza, economia, politica e diritto. Ne è nato il libro “Denkstücke für die Zukunft”, edito da Bruno Klammer e Roger Pycha. Come vogliamo vivere nel 2030? Cos’è un futuro senza conoscenza del passato?

Il 32enne violinista altoatesino Johannes Pramsohler si occupa di musica antica, suona nelle orchestre barocche del mondo ed è un talento da scoprire. Andrà anche in scena la band “Nolunta’s” della Val Gardena, vincitrice di Upload 2012.