Immer noch Sturm

Share on Google+

di Peter Handke

Regia Carina Riedl, Scenografie e costumi Monika Rovan, Komposition und Sounddesign Arthur Fussy, Luci Julian Marmsoler, Drammaturgia Ina Tartler, Percussione Katharina Ernst

Interpreti
"Ich" Andreas Patton
Meine Mutter Lisa Weidenmüller
Meine Großeltern Wiltrud Schreiner, Johann Nikolussi
Gregor, "Jonatan", der älteste Bruder der Mutter Hannes Perkmann
Valentin, der zweitälteste der Brüder Markus Oberrauch
Ursula, "Snežena", Schwester der Mutter Barbara Romaner
Benjamin, der jüngste Bruder Simon Mantei

Contenuto

Lo Jauntal in Carinzia. Un “io”, che porta i tratti di Peter Handke, immagina i suoi antenati sloveni: i nonni seduti sulla panca, la giovanissima madre e sua sorella piena di rabbia, oltre ai tre fratelli Gregor, Valentin e Benjamin. L' ”io” evoca gli antenati, li fa narrare storie, ridere, litigare, soffrire. Erano solo felici nel 1936. Con lo scoppio della seconda guerra mondiale la sventura si abbatte sulla famiglia: il tedesco non è la lingua degli antenati, e nessuno della famiglia vuole combattere per un “Reich”, al contrario. Invece tutti i fratelli devono andare al fronte, ognuno in un'altra direzione. E mentre la madre si innamora di un nazista e mette al mondo l' “io”, la sorella Ursula indossa un cappotto militare e diventa partigiana. La famiglia va a pezzi.
“Immer noch Sturm” debuttò nel 2011 ed è un epos familiare che racconta la storia della minoranza slovena in Carinzia. Nel 2012 venne eletto opera teatrale di lingua tedesca dell'anno da “Theater heute” e venne insignito con il Mülheimer Dramatikerpreis. Peter Handke ottenne inoltre il premio “Nestroy” e il premio Ibsen internazionale nel 2014.

Peter Handke nacque in Carinzia. Nel 1966 venne pubblicato il suo primo romanzo “Die Hornissen”. Da allora ha scritto più di trenta racconti e testi di prosa, oltre a varie opere per il teatro, tra cui “Die Unschuldigen, ich und die Unbekannte am Rand der Landstraße”. Inoltre Peter Handke ha tradotto in tedesco varia prosa e testi. Le sue opere sono state insignite con numerosi premi internazionali. Vive vicino a Parigi.

Carina Riedl nacque in Austria. Ha diretto al Burgtheater di Vienna, Volkstheater di Vienna, Schauspielhaus di Vienna, Deutsches Theater di Berlino, a Tübingen, Karlsruhe, Lubecca, Graz e ai Ruhrfestspiele di Recklinghausen. È stata invitata al Heidelberger Stückemarkt e ai Mülheimer Theatertage. Alle Vereinigte Bühnen Bozen ha messo in scena “Illegal”, “Geschichten aus dem Wiener Wald” e “Noch ist Polen nicht verloren”.