Geächtet

Share on Google+

di Ayad Akhtar

Regia Bettina Bruinier, Scenografie Ayşe Gülsüm Özel, Costumi Cornelia Kaske, Luci Micha Beyermann, Drammaturgia Ina Tartler

Traduzione tedesca di Barbara Christ
Coproduzione con il Theater an der Effingerstrasse di Berna




Interpreti

Emily Swintha Gersthofer
Amir Christoph Kail
Abe Aaron Frederik Defant
Isaac Roman Blumenschein
Jory Karin Yoko Jochum

 

Contenuto

Amir Amir Kapoor è figlio di immigrati pakistani e un giovane avvocato di successo in un rinnomato studio legale ebreo a New York. Porta camicie da 600 dollari, vive in un loft nella Upper East Side di Manhatten ed è un americano modello. Ha rifiutato il nome esotico dei genitori, la religione islamica e ogni traccia delle sue origini – ed è fermamente convinto della sua scelta. Sua moglie Emily, americana e bianca, non è della stessa idea: è pittrice e ha scoperto la bellezza e saggezza della cultura islamica attraverso l'arte. La situazione si complica quando a cena invitano Jory, la collega afro-americana di Amir, e suo marito Isaac, curatore di successo ebreo. È un susseguirsi di pregiudizi razziali e religiosi: l'occidente perde le staffe del suo illuminismo sociale.


Nella sua opera prima che debuttò nel 2012 a Chicago, Ayad Akhtar si interroga su temi di grandissima attualità attraverso la voce di professionisti che sembrano politicamente corretti. I discorsi spaziano da Patriot Act a integrazione, da razzismo quotidiano a terrorismo. Nel 2013 “Geächtet” vinse il Premio Pulitzer.

 

Ayad Akhtar *1970 a New York, cresciuto nel Wisconsin. Studiò teatro alla Brown University e si trasferì in Italia a studiare recitazione con Jerzy Grotowski dopo l'università. Seguì un master in regia alla Columbia University di New York. Akhtar scrive per teatro, cinema e televisione, mentre il suo primo romanzo “American Dervish” venne pubblicato nel 2012.

Bettina Bruinier nata a Wiesbaden, studiò regia teatrale e operistica alla Bayerische Theaterakademie August Everding a Monaco. Dal 2005 ha diretto tra l'altro al Deutsches Theater di Berlino, il Volkstheater di Monaco, Schauspiel Bochum, Schauspiel Frankfurt, il Nationaltheater Weimar, Staatsschauspiel Dresden e allo Staatstheater di Norimberga. Ultimamente alle Vereinigte Bühnen Bozen ma messo in scena il musical “Anatevka”.