0 %
13.03.2020 - 15.03.2020

Toteis

Opera di Manuela Kerer

Libretto di Martin Plattner
Prima rappresentazione, Commissionato

Produzione: Fondazione Haydn di Bolzano e Trento
Coproduzione: Vereinigte Bühnen Bozen e Neue Oper Wien

„Eroina delle Tre Cime“ è uno dei soprannomi di Viktoria Savs che sotto le mentite spoglie di Viktor combatte sul fronte dolomitico nel 1915, dove a 17 anni perde una gamba e ritorna in patria da eroina di guerra. Ormai finita nel dimenticatoio, Viktoria nel 1933 segue l’ideologia nazista. Durante la II Guerra Mondiale lavora a Belgrado per la Wehrmacht, continuando a partecipare con fierezza ai raduni di veterani fino alla sua morte nel 1979. Ecco l’incipit di questa opera che vede la Savs come diva arrugginita, androgina che affronta le persone e situazioni della propria vita come fantasmi. Getta uno sguardo ardito sulle sue esperienze, i suoi sogni e infine su se stessa. Prendendo spunto dalla biografia di Viktoria Savs, con linguaggio metaforico e arguto Martin Plattner stabilisce un collegamento tra una figura femminile “difficile” e i meccanismi che ancora oggi minacciano la nostra società.

“Toteis” è un termine derivante dalla glaciologia: è ghiaccio staccatosi dalla parte attiva di un ghiacciaio e perciò non si muove più con esso. Diviene l’emblema della gamba amputata di Viktoria e di ideologie apparentemente morte che però si rivelano ancora terribilmente attuali. La vita della protagonista rispecchia il nazionalismo dilagante e il fanatismo crescente del mondo contemporaneo. I colori del suo carattere hanno ispirato Manuela Kerer a creare timbri musicali che spesso si sono tra le righe, come la Savs stessa. Per l’autore tirolese Martin Plattner “Toteis” è una folle, cattivissima “fiaba eroica”.

Manuela Kerer: la meraviglia e la ricerca di nuovi suoni, sorprese e sfide sono il suo pane quotidiano. Ha studiato composizione, violino, psicologia e giurisprudenza a Innsbruck e Milano, facendo confluire il suo background nella sua musica. Si è esibita a New York, Berlino, Vienna, Roma, Londra, al Lago Titicaca con vari musicisti come l’ensemble Kaleidoskop di Berlino o il Klangforum di Vienna. Ha all’attivo varie registrazioni CD (editore: Breitkopf&Härtel).

Martin Plattner ha studiato Comparatistica all‘Università di Innsbruck e vive come scrittore freelance a Vienna. Il suo racconto “antimortina” ha vinto le Giornate d’Autore 2015 e ha debuttato alle VBB nel 2017. Altri suoi lavori sono stati messi in scena al Landestheater Linz, al brut presso il Künstlerhaus di Vienna e al Laboratorio Arte Alameda di Città del Messico. Per le sue opere Martin Plattner ha vinto numerosi premi, tra cui la borsa di studio Thomas Bernhard (editore: Thomas Sessler).

Première:
13.03.2020 - 20:00 Ore
Luogo:

Teatro Comunale di Bolzano / Sala Grande

Calendario

13.03.2020.21.00,
13.03.2020
Inizio: 20:00 Ore
Luogo:

Stadttheater Bozen / Großes Haus

15.03.2020.18.00,
15.03.2020
Inizio: 17:00 Ore
Luogo:

Stadttheater Bozen / Großes Haus

Attori

Musikalische Leitung
Walter Kobéra
Regie und Bühne
Mirella Weingarten
Kostüme
Julia Müer
Licht
Norbert Chmel
Choreinstudierung
Bernhard Jaretz
Dramaturgie
Elisabeth Thaler